Le ciliegie del Casentino

A) Generalità
Questa valle della Toscana immersa nella provincia di Arezzo, ai confini con l’Emilia Romagna, non presenta una grande tradizione per quanto riguarda la coltivazione delle ciliegie, però alcune varietà hanno assunto una diffusione e un’importanza tale da divenire interessanti per quanto riguarda la loro produzione.
Si tratta per lo più di varietà diffuse sporadicamente in alcuni luoghi e sempre rimaste relegate a dei piccoli paesini di mezza montagna. Le varietà di ciliegie casentinesi più interessanti sono:

1) Acquaiola.

2) Bianca.

3) Capellino.

4) Morellina.

B) Ciliegia Acquaiola
La ciliegia Acquaiola detta anche Lustrina del Casentino, è una varietà caratterizzata da un frutto di media dimensione e di forma rotondeggiante. La buccia è di colore giallo con sovraccolore rosso a maturazione. La polpa è anch’essa gialla, molto tenera, succosa, acquosa e priva di sapore.
Si tratta di una varietà a maturazione molto precoce e viene utilizzata solo per il consumo fresco.
Questa varietà è presente anche in altri luoghi dell’Italia centrale come nelle Marche dove è conosciuta con il nome di ciliegia Mosciarella.

C) Ciliegia Bianca
La ciliegia Bianca detta anche Moscatella, in realtà è una varietà originaria della Val di Sieve nella provincia di Firenze, anche se da molto tempo risulta ormai naturalizzata e coltivata anche in Casentino.
Si tratta di una ciliegia molto particolare di media grandezza e forma rotondeggiante. La buccia è di colore giallo che può andare dal chiaro all’intenso, con la polpa anch’essa gialla, tenera, succosa, dal sapore di moscato e molto zuccherina. Matura tra gli inizi e la metà di giugno e viene utilizzata solo per il consumo fresco.
Questa varietà è presente anche al confine tra la Toscana e l’Umbria tra i comuni di Sansepolcro (AR) e Città di Castello (PG), dove è conosciuta anche con il sinonimo di Limona. Esiste tuttavia in Toscana, nel comune di Castiglion Fiorentino (AR), un’altra varietà Moscatella, che non a niente a che vedere con la Moscatella del Casentino in quanto caratterizzata da frutti più grossi, buccia più scura e polpa consistente.

D) Ciliegia Capellino
La ciliegia Capellino o Capellina o Gabellina è chiamata così, perché presenta il peduncolo del frutto che si attacca al ramo di una forma molto sottile simile a quella di un capello.
La varietà è diffusa prevalentemente nel comune di Castel San Niccolò (AR) ed è caratterizzata da frutti di media dimensione e di forma sferoidale.
La buccia è di colore rosso vinoso, mentre la polpa è di colore rosso scuro, di notevole consistenza, molto succosa e di ottimo sapore. E’ una varietà a maturazione tardiva tra la fine di giugno e gli inizi di luglio.
I frutti possono essere impiegati sia per il consumo fresco che per l’ottenimento di marmellate.

E) Ciliegia Morellina
La ciliegia Morellina infine, è una varietà caratterizzata da frutti di dimensione medio piccola e da una forma da depressa a sferoidale. La buccia e la polpa sono entrambe di colore rosso scuro (da cui ne deriva in nome). Si presenta scarsamente consistente, molto succosa, zuccherina e di buon sapore.
Questa varietà matura a metà giugno e i frutti presentano le utilizzazioni più disparate: possono essere utilizzati per il consumo fresco, per l’ottenimento di marmellate, succhi di frutta e distillati.
Recenti studi hanno dimostrato che la varietà Morellina presenta un’elevata contenuto nutraceutico di antiossidanti, in particolare di antociani che oltre ad impartire il colore rosso alla buccia e alla polpa, presentano un’ottima attività antitumorale e anticancro.
Tuttavia c’è da dire che nel pisano e in particolar modo nel comune di Lari, esiste una varietà molto simile anch’essa chiamata Morellina. E’ da accertare se si tratta di varietà diverse ma con nomi uguali, o della stessa varietà che per motivi migratori è stata portata in Casentino.

BIBLIOGRAFIA:
Camangi F., e Segantini L., 2011. Le antiche varietà di fruttiferi del Casentino. Regione Toscana. Press service srl Sesto Fiorentino (FI)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...